La malattia

Incarnati nei miei occhi.
Comincia dalle vene
seminale a manciate
azzurre e tremanti, ammutinate.
Infettami di stupore
come una bimba che tuffa il naso all’insù
e sbircia la finitezza del cielo
negli interstizi che le rosse foglie concedono all’autunno.